Tel: +39 0872 969200- Mail: info@dimarino.eu
Il Parco della Majella

Plinio il Vecchio la definiva il “Padre dei Monti” e ancora oggi per gli abruzzesi la Majella rappresenta la “montagna madre”, brulla e imponente dimora del lupo e dell’orso, cuore del parco Nazionale istituito nel 1991. Un’area di oltre 740 km quadrati che per la sua particolare orografia, per la posizione geografica, l’ampiezza e la mutevolezza climatica che la caratterizzano, vanta una biodiversità unica nel suo genere.

Una ricchezza, questa, gelosamente custodita anche grazie all’attivazione di iniziative mirate a ridurre il potenziale impatto dannoso dei processi di industrializzazione agroalimentare. Tali iniziative consistono in: divieto di introduzione di organismi geneticamente modificati nelle colture e la conversione all’agricoltura biologica di quelle esistenti, riqualificazione ambientale degli spazi naturali all’interno delle aziende agricole e, soprattutto, la riscoperta e la promozione delle varietà autoctone tipiche della tradizione agricola locale.

Ad avvalorare ulteriormente l’impegno profuso per  la conservazione della biodiversità agricola è stato l’avvio del progetto “Coltiviamo la diversità”, che ha portato alla nascita di una RETE DEGLI AGRICOLTORI CUSTODI DEL PARCO dediti esclusivamente alla coltivazione e la commercializzazione di prodotti locali.

<– INDIETRO

Torna su

L’AZIENDA AGRICOLA ABRUZZESE DIMARINO

ATTRAVERSO UN METODO DI COLTIVAZIONE TRADIZIONALE E NATURALE, PRODUCE, COMMERCIALIZZA ED ESPORTA L’AGLIO ROSSO VARIETÀ DI SULMONA E ALTRI PRODOTTI TIPICI DEL TERRITORIO D’ABRUZZO.